Patentino per Frigorista: come, dove, quando…

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (18 votes, average: 3,17 out of 5)
Loading...

Articolo di approfondimento nel settore corsi per diventare frigorista

INTRODUZIONE

Impropriamente, viene chiamato patentino del frigorista
Tecnicamente, è la certificazione dei tecnici del freddo, che è stata resa obbligatoria nel nostro ordinamento con il D.P.R. 43/2012, su impulso della normativa comunitaria.

Vediamo chi sono i soggetti coinvolti e come possono adeguarsi agli obblighi di legge.

patentinoI PROFESSIONISTI CHE HANNO BISOGNO DEL PATENTINO DI FRIGORISTA

Tutti i tecnici che utilizzano e installano, o, comunque, maneggiano il gas refrigerante che contiene Cloro(CFC-HCFC), come i gas R11, R12, o che contiene i gas fluorati HFC, come i gas R134a, R407C, devono conseguire la certificazione.

Non sono invece soggetti alla certificazione coloro che producono o riparano delle apparecchiature fisse nel luogo di produzione.

PER LA TUTELA DELL’AMBIENTE

Il motivo principale del patentino è la tutela dell’ambiente.

È ormai noto che tali gas sono altamente dannosi per l’Ozono e contribuiscono al surriscaldamento del pianeta. È imperativo, quindi, che solo personale altamente qualificato possa maneggiarlo e utilizzarlo.

In secondo luogo, è una grande opportunità per tutti i professionisti del settore

GRANDE OPPORTUNITA’ PER I TECNICI DEL FREDDO (IN TUTTA EUROPA)

Introducendo la certificazione, i tecnici del freddo garantiscono la loro professionalità nel settore verso clienti e fornitori.

Non solo. Hanno la possibilità di spendere la loro qualificazione su tutto il territorio europeo, in quanto il patentino è riconosciuto in Europa grazie al principio del mutuo riconoscimento dei titoli e al principio di libera circolazione di lavoratori, cittadini e merci.

Vantaggi ne traggono anche i clienti e i fornitori dei frigoristi.

L’IMPORTANZA DELLA CERTIFICAZIONE

Ottenere una certificazione impone percorsi formativi e di crescita professionale, quindi, la qualità delle installazioni sarà certamente superiore.

Di conseguenza, gli apparecchi refrigeranti produrranno risultati migliori, minor consumo energetico e la soddisfazione degli utenti sarà massima.

La certificazione viene rilasciata solo in presenza di compravate capacità del titolare.

COME OTTENERE IL PATENTINO DI FRIGORISTA

Il tecnico dovrà affrontare delle prove, teoriche e pratiche, che entrambe dovranno essere superate con una votazione di almento 60% della prova.

La prova teorica consiste in 30 domande a cui rispondere nell’arco di 1 ora e 30 minuti.

La prova pratica verte sulle principali mansioni di un frigorista: verifica dei parametri di regolare funzionamento dell’impianto; realizzazione di una tubazione; operazione di carico-vuoto del refrigerante e recupero dello stesso.

Occorre precisare che non è obbligatoria la frequenza di un corso per sostenere le prove d’esame, però è altamente consigliato per avere maggiori possibilità di riuscita.

Pertanto, un candidato che si ritenga sufficientemente preparato potrà accedere alla sessione d’esame senza alcun obbligo formativo preventivo.

Invece, chi volesse prepararsi adeguatamente con uno specifico corso, può rivolgersi a uno dei Centri di formazione diffusi sul territorio; gli istituti forniscono anche materiali per la formazione a distanza o lezioni private di formazione (come ad esempio questo corso per certificazione frigoristi).

LA CERTIFICAZIONE E’ OBBLIGATORIA

Per le imprese, vi è l’obbligo di un tecnico certificato ogni 200.000 € di fatturato.

Il patentino per il frigorista è ormai obbligatorio…

Nel febbraio di quest’anno è stato attivato il Registro Telematico per i gas fluorurati (Fgas); fino al 12 aprile c’è la possibilità di iscrizione sia di persone che di imprese al Registro in via provvisoria.

Ossia, è possibile ottenere un certificato provvisorio che, in attesa della certificazione, consente di lavorare per 180 giorni.

Scaduti i quali sarà obbligatorio aver conseguito il patentino.

I costi dell’iscrizione sono di 13 € per persona fisica e di 21 € per le imprese. Entrambe devono corredare l’iscrizione con marca da bollo da 14,62 €

E per concludere questo articolo, ecco un elenco di risorse a tema per approfondire l’argomento:


Modulo Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.